Palestra? Ecco svelato il motivo per cui la odi. Parte 3.

Palestra? Ecco svelato il motivo per cui la odi. Parte 3.

Una procedura infallibile creata per farti raggiugere i tuoi obiettivi anche se pensi di non potercela fare.

Erano le ore 6:00 del mattino del 3 agosto 1492 quando Cristoforo Colombo salpò da Palos de la Frontera con direzione le Isole Canarie.

Le persone pensavano che la terra fosse piatta, doveva essere piatta perché dopo l’orizzonte non si vedeva altra terra o mare.

Ogni terra era stata già esplorata, non serviva cercare altro, il mondo conosciuto era quello, nella mente delle persone  ottuse.

Sembrava impossibile ma ad un certo punto, dopo circa due mesi di navigazione, la sera del 27 ottobre trovarono terra.

Non importa se credevano di aver trovato le indie, avevano scoperto una nuova terra, quella nuova terra che non si pensava esistesse.

Perché ti ho raccontato di Cristoforo Colombo e della scoperta dell’America?

Perché è cosi che succedono le cose più grandi, come diceva il grande Albert Einstein:

Tutti sanno che una cosa è impossibile da realizzare, finché arriva uno sprovveduto che non lo sa e la inventa.

Tutti pensavano che non ci fosse terra nuova da scoprire invece Colombo l’ha trovata, tutti pensavano che non esistesse una palestra diversa, una palestra con le 5 caratteristiche che hai letto nell’articolo precedente ed invece, è arrivato qualcuno che l’ha creata.

Dopo l’esperienza fatta nelle altre palestra, da cliente e da dipendente, dopo aver visto tutto quello che ti ho descritto, dopo aver sentito ogni tipo di lamentela, ho creato un posto diverso:

LA PALESTRA PER CHI ODIA LA PALESTRA

Non volevo nemmeno chiamarla “palestra” a dire il vero, ma poi il significato di questa parola e le radici che ha nella storia mi piacciono molto quindi ho deciso di tenerla e “renderle giustizia”, elavandola dal miserabile significato che ha adesso.

Se per tutti adesso la palestra è un posto da odiare, un posto solo per rimorchiare, sfilare, prendere in giro chi è meno preparato degli altri, allora io voglio che grazie a Body Work, il termine “palestra” torni a significare:

Un luogo in cui si “lotta”, in questo caso non nel vero senso della parola, ma inteso come lottare per ottenere qualcosa che di desidera ardentemente!

Ogni persona che trovi dentro Body Work ha un obiettivo preciso e sta lottando duramente per ottenerlo.

Ho creato cosi un luogo diverso davvero e ti spiego come.

Per facilitare il percorso che dovrai fare ho creato una procedura che non esiste nelle Globo Gym, le palestra comuni.

Questa procedura annulla quasi del tutto le possibilità di fallimento del raggiungimento del tuo obiettivo:

Primo Step: Valutazione Funzionale.

Tanto per cominciare cercherò di capire più cose possibili su di te, in modo da rendere l’allenamento il più possibile compatibile con il tuo stile di vita, le tue problematiche ed i tuoi obiettivi.

Entrando in palestra spesso capita che nemmeno ti venga chiesto cosa desideri ottenere, oppure al massimo ti è stato chiesto: cosa vuoi fare?

Ma questa domanda è sbagliata perché se sei un sedentario che si è forzato ad alzarsi e presentarsi in palestra facendo un enorme sforzo emotivo, a volte facendosi proprio della violenza psicologica, il tuo primo pensiero sarà: caspita vorrei essere sul divano con il pile addosso a guardare la tv!! Ecco cosa voglio fare.

Questa Valutazione che facciamo insieme, è una chiacchierata che ci facciamo tranquilli e sereni davanti ad un caffè o un the, grazie alla quale approfondiamo quali sono i tuoi obiettivi, il tuo stile di vita, cerchiamo di capire dove possiamo intervenire per migliorarlo, cosa ti frena adesso nel raggiungimento dei tuoi traguardi e cose del genere.

Il concetto è: se non sai esattamente da dove parti, come fai a capire come arrivare al bersaglio, quanto tempo servirà, come dovrai strategicamente comportarti….pensa ad una persona che è in bosco, gli danno uno zaino con della roba dentro e poi “adesso vai”….dove? Come? Perché? Cosa devo fare?

E’ la stessa cosa quando vai in sala pesi, hai gli strumenti (lo zaino pieno di roba) ma non sai cosa devi ottenere, come farlo, perché, in che modalità….non può funzionare.

Prima cosa quindi: FACCIAMO IL PUNTO DELLA SITUAZIONE

Secondo Step: Test FMS

Altra cosa importante, SIAMO TUTTI DIVERSI!

Sembra una banalità ma non viene mai presa in considerazione.

Tu hai trascorso una vita diversa dalla mia, hai fatto sport diversi o forse non li hai fatti, hai avuto dolori, infortuni, operazioni, diverse dalle mie, fai un lavoro diverso, hai difetti posturali diversi…insomma, siamo tutti diversi e l’allenamento dovrebbe essere il più personalizzato possibile.

Il Test FMS è uno screening, un controllo delle tue capacità di movimento fatto tramite 7 semplici esercizi, che mi fa capire quali sono i tuoi punti deboli in modo da darti la possibilità di concentrare i tuoi sforzi su quelli e rendere ancora più personalizzato il tuo allenamento.

Seconda cosa quindi: LAVORO SPECIFICO

Terzo Step:

ALLENAMENTO.

Da noi non ci sono macchinari, l’allenamento è tutto a corpo libero, per diversi motivi.

In primis il lavoro a corpo libero, a circuito mi permette di farti “bruciare” più calorie ma un altro importante motivo è che i macchinari non ti insegnano MOVIMENTI, non ti insegnano come mettere il corpo per non farti male quando ti muovi.

Io voglio che tu sia efficiente, voglio che il tuo corpo risponda ai comandi e che lo faccia in sicurezza.

Per ottenere tutto questo il tipo di allenamento che ti propongo ha queste caratteristiche:

A)  E’ PROPORZIONATO AL TUO ATTUALE STATO DI FORMA. Questo vuol dire che se è da tanto che non fai attività fisica, o non l’hai mai fatta, l’allenamento che ti farò fare sarà moderato, adatto a quello che riesci a fare.

B)  E’ GRADUALE. Faremo insieme dei passi avanti e saranno sempre coerenti al tempo che il tuo corpo chiede per adattarsi a questi nuovi stimoli che li stai dando.

In parole povere non ti farò andare via troncato ogni allenamento, ma ti rimetterò in forma piano piano.

C)  NON DEVI ADATTARTI  A QUELLO CHE FANNO LE PERSONE CHE SI ALLENANO DA TANTO TEMPO. Il metodo di lavoro che adotto, mi permette di rendere allenante il circuito sia per un atleta che per una persona sedentaria, che si allenano contemporaneamente.

Questo per farti capire che nella stessa seduta di allenamento non importa se ci sono persone avanzate e persone principianti perché modifico il lavoro per renderlo allenante per tutti.

Terza cosa quindi: ALLENAMENTO: PROPORZIONATO, GRADUALE, PERSONALIZZATO

Quarto Step:

Controlli periodici.

Abbiamo fatto il PUNTO DELLA SITUAZIONE, abbiamo fatto i TEST, abbiamo iniziato con l’ALLENAMENTO, manca solo una cosa: CONTROLLI PERIODICI.

Si perché se sappiamo da dove iniziamo, dove vogliamo arrivare e come ci arriveremo, dobbiamo solo controllare periodicamente se siamo sulla strada giusta.

Ogni tre mesi quindi ci rimettiamo al tavolo insieme, e valutiamo se sei migliorato, ovviamente in base a quello che era il tuo obiettivo.

Quarta cosa quindi: CONTROLLI PERIODICI.

*************************************************************************************************************

Questa procedura mi permette di farti raggiungere l’obiettivo che desideri con certezza quasi matematica.

Tutto questo non avrebbe però l’efficacia che ha se non fosse inserito in un ambiente diverso da quello delle Globo Gym.

L’AMBIENTE E’ TUTTO! L’ambiente è quel fattore che facendoti sentire a tuo agio ti permette di tirare fuori il meglio di te, il massimo del tuo potenziale, tutte le tue risorse per raggiungere vette che mai ti saresti immaginato, per renderti orgoglioso di te stesso e dimostrare anche agli altri che ce l’hai fatta.
(non guasta mai un po’ di riscatto 😉 )

Vai a leggere, l’AMBIENTE dentro Body Work.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *